Vai al contenuto

Informazioni

La Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico è l’area naturale più ampia di tutta la regione, a circa 20 chilometri da Bologna. È stato istituito con lo scopo di tutela il fronte roccioso che si sviluppa per una quindicina di chilometri attraversando le valli del Reno, Setta, Savena, Zena e Idice, culminando nei rilievi di Monte Adone, Rocca di Badolo, Monte Rosso e, poco oltre l’area protetta, monte delle Formiche.

La componente di maggior rilievo della riserva è sicuramente il fronte roccioso grazie ai suoi aspetti geologici, geomorfologici e paleontologici. Ma l’area è molto interessante anche dal punto botanico e faunistico. Infatti, vi si trovano specie floristiche mediterranee favorite dal microclima creato dalle pareti rocciose, alcune delle quali decisamente rare e specie animali rari, in particolare uccelli, rettili e anfibi, la cui presenza è avvantaggiata da anfratti rocciosi e altri microhabitat poco accessibili.
Il territorio della riserva è attraversato da strade suggestive asfaltate che collegano le località limitrofe al Contrafforte, ma vi è anche una rete escursionistica minore che comprende sterrati e sentieri tradizionalmente utilizzati per raggiungere le cime più importanti della riserva e luoghi storici. Tra gli itinerari percorribili in qualche ora vi sono:

  1. L’anello di Monte Adone –> un itinerario con ampi panorami e interessanti aspetti naturalistici e storici. È la via più diretta per raggiungere la cima del Monte Adone.
  2. Intorno a Monte Rosso –> un semplice itinerario ad anello che costeggia le pedici di Monte Rosso offrendo viste panoramiche sulle pareti arenacee che sovrastano Sadurano
  3. Monte del Frate e Valle del Raibano –> un ampio itinerario ad anello che si sviluppa tra il crinale di Monte Frate e le vallate alle spalle della Rocca di Badolo toccando alcuni dei luoghi di maggiore valore naturalistico della riserva.
  4. Monte Mario e Prati di Mugnano –> una serie di itinerari ad anello attraverso i Prati di Mugnano. L’anello principale sale sulla cima del monte seguendo il crinale che sovrasta la parete occidentale del rilievo. Due varianti più semplici, percorribili da tutti, attraversano il bosco che riveste le pendici settentrionali del monte. Un’altra alternativa sarebbe discendere in località Battedizzo per risalire la parete occidentale del monte. Questo, però, è un percorso più impegnativo ed esposto. Lungo tutti i percorsi si incontrano emergenze naturalistiche e storiche di notevole rilievo.

L’area del Contrafforte è attraversata da tre percorsi escursionistici di più giorni. La Traversata delle cinque valli, un itinerario che si sviluppa da Monteveglio a Ozzano Emilia e attraversa tutta la riserva da Ovest ad Est; la Via degli Dei e la Via dei Santuari è un itinerario che collega Bologna a Prato.

Visita il sito del Parco

 

bar_chart Dati

15 chilometri